Ho ricevuto e ripubblico con piacere parte del materiale di ROUTINE IS FANTASTIC, la nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

Per tutti noi fare la spesa, prendere i mezzi e sedersi a tavola sono gesti ovvi e scontati, parte di una routine giornaliera che però è negata dalla guerra a un numero impensabile di persone nel 2011, 4.3 milioni di migranti forzati, 800mila dei quali hanno dovuto abbandonare tutto e attraversare la frontiera del proprio paese diventando rifugiati.

Routine is fantastic

 

Un numero su cui tutti noi dovremmo riflettere, visto che secondo un’indagine realizzata dalla DOXA per UNHCR, ben 15 milioni di italiani preparerebbero le valigie e lascerebbero subito la loro routine perché annoiati e stanchi del tran tran quotidiano. Non siamo ancora così aridi fortunatamente, visto che molti per effetto della crisi stanno iniziando a capire il valore e il privilegio di avere delle certezze, al punto che solo il 16% degli italiani che fuggirebbero dalla loro routine, andrebbero a stendersi “al sole in un’isola tropicale”Quasi 7 milioni, infatti, sarebbero disposti anche ad aiutare gli altri, avendo finalmente più tempo a disposizione per farlo.

Routine is fantastic

Questa campagna è una buona occasione per passare dalle parole ai fatti, fino al  30 novembre è possibile inviare un sms da due euro al 45506 da cellulari TIM, Vodafone,  WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Nòverca o chiamando da rete fissa TeleTu e TWT, oppure donando 2 o 5 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb. Dopo il 30 novembre sarà possibile sostenere la campagna chiamando il numero verde 800298000 o visitando il sito www.routineisfantastic.it

Il risultato sarà quello di restituire la routine a 175mila bambini rifugiati in 12 paesi, tra cui la Siria, consentendo loro di frequentare la scuola: è questo l’obiettivo della campagna, a cui è legata una raccolta fondi.

Direi che nel nostro piccolo ne vale la pena, per cui fate circolare questa informazione.

Advertisements