Routine is fantastic, ma non per tutti è così semplice…

Ho ricevuto e ripubblico con piacere parte del materiale di ROUTINE IS FANTASTIC, la nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

Per tutti noi fare la spesa, prendere i mezzi e sedersi a tavola sono gesti ovvi e scontati, parte di una routine giornaliera che però è negata dalla guerra a un numero impensabile di persone nel 2011, 4.3 milioni di migranti forzati, 800mila dei quali hanno dovuto abbandonare tutto e attraversare la frontiera del proprio paese diventando rifugiati.

Routine is fantastic

 

Un numero su cui tutti noi dovremmo riflettere, visto che secondo un’indagine realizzata dalla DOXA per UNHCR, ben 15 milioni di italiani preparerebbero le valigie e lascerebbero subito la loro routine perché annoiati e stanchi del tran tran quotidiano. Non siamo ancora così aridi fortunatamente, visto che molti per effetto della crisi stanno iniziando a capire il valore e il privilegio di avere delle certezze, al punto che solo il 16% degli italiani che fuggirebbero dalla loro routine, andrebbero a stendersi “al sole in un’isola tropicale”Quasi 7 milioni, infatti, sarebbero disposti anche ad aiutare gli altri, avendo finalmente più tempo a disposizione per farlo.

Routine is fantastic

Questa campagna è una buona occasione per passare dalle parole ai fatti, fino al  30 novembre è possibile inviare un sms da due euro al 45506 da cellulari TIM, Vodafone,  WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Nòverca o chiamando da rete fissa TeleTu e TWT, oppure donando 2 o 5 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb. Dopo il 30 novembre sarà possibile sostenere la campagna chiamando il numero verde 800298000 o visitando il sito www.routineisfantastic.it

Il risultato sarà quello di restituire la routine a 175mila bambini rifugiati in 12 paesi, tra cui la Siria, consentendo loro di frequentare la scuola: è questo l’obiettivo della campagna, a cui è legata una raccolta fondi.

Direi che nel nostro piccolo ne vale la pena, per cui fate circolare questa informazione.

Gli utenti fedeli al non profit e il web, una nuova infografica di ContactLab

Chiudiamo in bellezza l’anno guardando al non profit e al mondo delle Onlus online con un’interessante infografica di ContactLab, sviluppata a corredo del Non Profit Report 2011.

Non Profit Report

Da qui è possibile scaricare l’infografica completa: Gli utenti fedeli al non profit e il web: il dono online e il rapporto coi social network.

Buona fine e buon principio di 2012!

Segnalazioni: Seo Web Marketing Experience 2011

Come sapete ogni tanto mi piace pubblicare qualche appuntamento di rilievo di marketing digitale, oggi è il turno di Seo Web Marketing Experience 2011, evento organizzato da Madri.com, realtà ormai consolidata nella formazione di settore.

Nelle scorse edizioni oltre 530 persone hanno assistito alle presentazioni e ai video, come questo dedicato al web marketing 3.0.

Per chi fosse interessato sul sito web dedicato è possibile richiedere ulteriori informazioni e vedere altri video di presentazione dell’evento.

Un nuovo spazio su Tumblr per raccontare il mio lavoro

Mi sono riavvicinato per caso a Tumblr nei giorni scorsi e sono rimasto molto colpito dagli strumenti offerti oggi da questa piattaforma, a cavallo tra Twitter e un vero e proprio blog.

Tumblr

Ho riflettuto dunque su come utilizzarlo e ho deciso che poteva essere un ottimo mezzo per raccontare i progetti e le attività che svolgo ogni giorno per il mio lavoro, argomenti che per scelta non tratto invece su Internetmanagerblog.com.

L’indirizzo è http://gianluigizarantonello.tumblr.com, grazie poi alle straordinarie possibilità di integrazione offerte dai vari servizi oggi presenti sul web potrete seguire questi aggiornamenti su Twitter e, insieme con tutti gli altri miei contenuti, su Friendfeed.

Spero che troverete interessante questa mia scelta di personal branding, non voglio intaccare il carattere di divulgazione di Internetmanagerblog.com ma allo stesso tempo penso di avere qualcosa da dire anche raccontando i progetti che seguo.

La mia presentazione alla Venice Digital Week 2011

Ieri ho partecipato con grande piacere alla Venice Digital Week, un evento ricco di appuntamenti interessanti e stimolanti.

In particolare poi sono stato uno dei relatori della sessione E-business e lifestyle marketing, ecco di seguito la mia presentazione.

Se non riusciste a vederla qui nel blog cliccate qui.

Il 3-4-5 maggio a Venezia è di scena la Digital Week

Oggi vi segnalo la Ca’ Foscari Digital Week, tre giorni veneziani, dedicati alle nuove frontiere della tecnologia, con più di 150 relatori impegnati in oltre 50 appuntamenti tra workshop tematici, fast workshop e special events distribuiti in vari luoghi.

Digital Week

Sarà presente un’area expo occuperà uno spazio di 1.000 mq con opportunità di interazione proposte dalle aziende partner, oltre a due sale workshop.

Una buona occasione per incontrarsi e discutere del mondo del digitale (qui il programma), in un territorio dove alle aziende tradizionali si affiancano sempre più realtà di alto livello nei nuovi business e nei servizi.
Io ci sarò, il 4 maggio! :-)

Formazione Web marketing e Social Media:Young Digital Lab a Roma il 24 e 25 febbraio

Inizio la settimana con una segnalazione utile per chi si occupa di marketing, la nuova tappa del corso di formazione sul Web marketing al tempo del Social Web tenuto dai ragazzi di Young Digital Lab.

Questa volta il corso si terrà a Roma durante due giornate, il 24 e 25 di Febbraio, in cui gli Young Digitals affronteranno un programma ricco di temi interessanti: dalle ultime evoluzioni del Social Web e della App Economy, all’ascolto e le strategie sui Social Media, passando per Facebook, i Location Based Services e infine l’Enterprise 2.0 e il Social CRM.

Il corso ha una natura collaborativa e coinvolge i partecipanti attraverso ampi momenti dedicati alla discussione e un clima informale e aperto allo scambio di informazioni e opinioni.

Potete trovare tutte le informazioni su http://www.youngdigitallab.com/

Il mondo in una nuvola?

In questi ultimi mesi mi sono già occupato varie volte di nuovi paradigmi tecnologici e della loro influenza sul business e sulla società.
In particolare in questi giorni poi ho letto varie notizie che mi hanno portato a tornare su di un tema che avevo toccato qualche tempo fa in più momenti (ad esempio qui e qui), ossia il cloud computing, inteso sia come tecnologia sia come logica.

immagine tratta da Sevensheaven.nl

Trovo molto attuale e affascinante il concetto di poter accedere a dati, applicazioni e contenuti in modo indifferente dal supporto e dal luogo in cui ci troviamo e molti fattori mi sembrano agevolare la diffusione di questo paradigma che per gli addetti ai lavori e’ già realtà.

Un primo fattore e’ senza dubbio lo sviluppo delle reti mobili e l’abbattimento (finalmente!) dei prezzi per la connessione, unito al crollo dei costi di storage dei dati (vi ricordate Gratis di Chris Anderson e questa mia presentazione?).

Su questo si innestano le nuove generazioni di dispositivi sempre connessi e le tecnologie che consentono l’ipertestualita’ dei luoghi fisici.
Applicazioni come Dropbox e Evernote rendono poi sempre più vicino e familiare ai consumatori finali il concetto di sincronizzazione di tutti i propri dispositivi.

Il mercato non sta a guardare naturalmente, e l’ultimo esempio in termini di tempo e’ la sfida nel mondo dei libri fra eBooks di Google e Kindle for the web di Amazon, tutta svolta in punta di nuvole.

Se dunque vogliamo dare per morto il web così come lo abbiamo conosciuto e’ in questa direzione che dobbiamo guardare e, per le aziende, il marketing e la tecnologia devono esser pronti alla sfida.
Il nuovo mondo che si svolge sulle nuvole sta per entrare nella vita di tutti, con buona pace di chi pensa che sia ancora presto, certo si deve ragionare seriamente sulla sicurezza ma la via e’ tracciata.
Secondo voi le nostre aziende italiane sono pronte?

Young Digital Lab in un video: Youngsters Have Changed!

Oggi mi piace condividere con voi un video che l’amico Michele Polico mi ha inviato, dedicato ad un suo progetto cui partecipo, nel tempo disponibile, con molta soddisfazione: Young Digital Lab.

Questo il commento al video, che e’ stato creato da Gabriele Cuzzulini

Stop! Fermi tutti: i giovani sono cambiati e stanno per cambiare il mondo. E’ finito il tempo del nozionismo e dell’autoritarismo. Basta con i giovani-soldatini obbedienti. I giovani sono cresciuti e ora sono diventati padroni della loro vita. Perciò possono cambiare il mondo. Come? Con le nuove tecnologie, i nuovi media, in una parola sola: internet. E’ il futuro presente, è la tecnologia che ha rivoluzionato la vita. E i giovani sono i creatori, gli utilizzatori, i trasformatori di questa vera e propria energia digitale. Il web non è solo un groviglio di cavi – è il nuovo spazio sociale delle nuove generazioni. E’ il motore che fa viaggiare il cambiamento con l’energia dei giovani.
Young Digital Lab è questo: un network giovane ma già costituito da professionisti dei nuovi media. Insomma, gettate nel cestino i libretti delle istruzioni e non perdete più tempo con vecchie soluzioni fuori tempo massimo. Sono i giovani la nuova tecnologia. Sono gli Young Digitals la nuova realtà del web.

Ormai e’ chiaro a tutti che il social web e, più in generale le nuove tecnologie, sono strumenti che sono entrati nella quotidianità e nella vita delle persone e non si possono più ignorare.

E’ consolante dunque poter vedere dei giovani professionisti del nuovo Internet, di cui le aziende hanno davvero bisogno, che collaborano fra loro e riescono a trasmettere know-how in un settore dove tanti parlano ma pochi davvero sono competenti.

Voi che ne dite?

Le mie slide del Connecting Day 2010

Ieri ho partecipato con grande piacere all’edizione 2010 di Connecting Day, l’expo’ del marketing relazionale.

In particolare, con i ragazzi di Young Digital Lab, ho avuto modo di parlare di social media e di comunicazione, ecco qui di seguito le slide dei miei interventi.

Buona lettura, vi ricordo che potete trovare tutte le presentazioni della giornata su http://www.slideshare.net/youngdigitallab